Sense8 | Una celebrazione della connessione umana
Salva
Sense8 | Una celebrazione della connessione umana

Sense8 | Una celebrazione della connessione umana

Postato il 11 Dicembre, 2023
Leggi di più

Nel primo libro della sua Politica, il filosofo greco Aristotele (384-322 a.C.) sosteneva che l’uomo è per natura un animale politico. Con questo intendeva dire che esiste un impulso di base che spinge gli esseri umani a entrare in contatto con i propri simili. Nel corso dei secoli, la parola connessione ha assunto un significato più complesso. Soprattutto sulla scia della rivoluzione digitale. Internet è diventato un luogo di intelligenza connettiva: un bacino di conoscenza collettiva in continua evoluzione. Mentre i social media, con il loro potere di riunire le persone, hanno ridefinito i legami umani. In un batter d’occhio, una singola persona ha acquisito la capacità di connettersi a una comunità online di persone diverse provenienti da tutto il mondo. Di conseguenza, anche la capacità umana di provare empatia si è adattata al nuovo scenario. Ed è proprio la connessione umana il cuore della serie Netflix Sense8.

Sense8 (un gioco tra le parole inglesi sensate e eight, il numero di personaggi principali) è un dramma di fantascienza creato da Lana Wachowski e Lilly Wachowski insieme a J. Michael Straczynski. Le Wachowski si sono guadagnate il plauso internazionale per aver creato la serie di film Matrix (1999-2003). Hanno anche prodotto e scritto la sceneggiatura di V per Vendetta (2005) di James McTeigue. Sense8 è il primo progetto che segna la migrazione del duo verso la televisione. Da parte sua, Straczynski ha creato la serie televisiva Babylon 5 (1993) e ha scritto la sceneggiatura di Changeling (2008) di Clint Eastwood. È anche un noto scrittore di fumetti. Ha scritto diversi numeri di The Amazing Spider-Man, Fantastic Four e Thor della Marvel Comics, nonché alcuni di Superman, Wonder Woman e Before Watchmen della DC Comics.

“Io sono anche un Noi”

Sense8 racconta la storia di otto sconosciuti provenienti da tutto il mondo. Tutti con background sociali, culturali ed etnici diversi, con differenti orientamenti sessuali e credenze religiose. Improvvisamente, gli otto scoprono di appartenere a un’altra specie umana chiamata “Homo sensorium”. Infatti, tutti formano un gruppo connesso mentalmente ed emotivamente. Sono in grado di comunicare tra loro, di percepire le emozioni e i pensieri degli altri e di condividere conoscenze, lingue e abilità uniche. Dovranno unire le forze e combattere contro un’organizzazione scientifica che vuole dar loro la caccia.

Questo gruppo eterogeneo di sconosciuti comprende Nomi (Jamie Clayton), una blogger e hacktivista transgender di San Francisco; Wolfgang (Max Riemelt), fabbro di giorno e scassinatore di notte di Berlino; Lito (Miguel Ángel Silvestre), un famoso attore gay non dichiarato di Città del Messico; Will (Brian J. Smith), un agente di polizia di Chicago; Sun (Bae Doona), una donna d’affari ed esperta di arti marziali di Seul; Kala (Tina Desai), una chimica farmaceutica e devota indù di Mumbai; Riley (Tuppence Middleton), una DJ islandese che vive a Londra. E infine Capheus (Aml Ameen/Toby Onwumere nella seconda stagione), un abile autista di matatus (minibus) originario di Nairobi. È soprannominato “Van Damme” per la sua ossessione per i film del famoso attore belga.

Il risultato finale è una serie complessa e stratificata, pieno di coreografie di combattimento in puro stile Wachowski. Sense8 presenta analogie con Lost (2004) per il modo in cui mostra personaggi con percorsi di vita diversi (curiosità: nel cast c’è anche Naveen Andrews, uno degli attori principali di Lost) e con The OA (2016) per alcuni dei temi trattati.

Sense8 | A Celebration of Human Connectedness
Bae Doona nel ruolo di Sun Baek (Murray Close/Netflix)

Una serie televisiva raccontata su scala globale

Sense8 si distacca dalla produzione televisiva tradizionale. Si tratta di una grande produzione, girata interamente in loco in molti Paesi del mondo. Per essere precisi, le riprese si sono svolte in nove città di otto Paesi per la prima stagione e in sedici città di undici Paesi per la seconda stagione. Inoltre, la produzione ha assunto attori e membri della troupe locali per mantenere un senso di realtà ancora più autentico. Per di più, alcune scene sono state girate davanti a folle reali durante eventi importanti. Per citarne alcuni: la celebrazione del 4 luglio a Chicago e la ventesima parata del Gay Pride a San Paolo, in Brasile. A conferma dell’uso dei luoghi come parte integrante del racconto, Sense8 ha vinto il premio LMGI for Outstanding use of Locations.

Per saperne di più sul dietro le quinte e sulla realizzazione dello show, Netflix ha pubblicato un documentario di 25 minuti intitolato Sense8: La creazione di un mondo.

Sense8 | A Celebration of Human Connectedness
Il cast di Sense8 gira una scena durante la ventesima parata del Gay Pride a San Paolo, in Brasile (Murray Close/Netflix)

“Le etichette sono l’opposto della comprensione”

Le Wachowski, entrambe donne trans, hanno riversato molto del loro background personale nella serie. Soprattutto nel personaggio transgender Nomi, interpretato dall’attrice transgender Jamie Clayton. In effetti, Sense8 ha ottenuto recensioni positive per la sua rappresentazione della comunità LGBTQ+ e delle questioni ad essa correlate. Mostra anche come alcune etichette e modelli sessuali normalizzati – ad esempio la mascolinità tossica o la criminalizzazione del piacere fisico e della libertà sessuale – possano dettare la vita quotidiana e come, in modo sottile, influenzino le culture visive. E lo fa attraverso una messa in scena innovativa del corpo e del rapporto sessuale. La rappresentazione del sesso in Sense8 è infatti un veicolo politico. Sia per denunciare la discriminazione, il sessismo e la paura, sia per celebrare la libertà al di là della censura e delle convenzioni sociali.

Perché, come dice il personaggio di Hernando (Alfonso Herrera):

Gli occhi di chi guarda trovano non solo la bellezza dove vogliono ma anche la superficialità, la bruttezza, la confusione e il pregiudizio. Il che significa che chi guarda vedrà sempre ciò che vuole vedere.

Hernando (Alfonso Herrera)

Le nostre differenze ci rendono uguali

Abbiamo avuto una conversazione notturna sul modo in cui la tecnologia ci unisce e ci divide allo stesso tempo, e da questo paradosso è nato Sense8.

Le Wachowski, PR Newswire (traduzione a cura dell’autore)

Sense8 si concentra sui legami umani nel loro senso più ampio. Lo show cerca di esplorare temi fondamentali sull’identità umana, ma anche sulla combinazione di religione e scienza e sulla questione politica legata all’etnia. Il tutto attraverso le storie degli otto protagonisti. In un certo senso, Sense8 riecheggia alcune delle questioni che le Wachowski avevano già esaminato nelle loro opere precedenti. In particolare nel film del 2012 Cloud Atlas, diretto insieme a Tom Tykwer. Sense8 utilizza abilmente gli stereotipi allo scopo di infrangerli. Mira a fare appello ai sentimenti degli spettatori, inducendoli a formulare pensieri critici sui temi citati. A riprova di ciò, in sole due stagioni la serie è riuscita a creare una propria filosofia.

La serie richiama l’attenzione su cosa significa essere percepiti. Come i nostri sensi e le nostre emozioni definiscono la realtà e le altre persone, e come queste definiscono noi. A conferma di ciò, Sense8 si concentra più sulle emozioni e sulle prospettive di ciascun personaggio che sulla trama. Alla fine, la forza trainante della serie è la diversità umana. E il suo messaggio finale è di vedere la diversità e l’unicità come ciò che unisce tutte le persone. Perché solo quando ci lasciamo alle spalle le nostre barriere e usciamo da noi stessi per vedere l’altro, ci rendiamo conto che, alla fine, non siamo soli.

Sense8 | A Celebration of Human Connectedness
Il cast principale di Sense8 (Murray Close/Netflix)

Netflix ha cancellato Sense8 dopo la seconda stagione a causa dei costi di produzione troppo elevati. Tuttavia, dopo che i fan di tutto il mondo hanno creato petizioni online e chiesto a gran voce la continuazione della serie utilizzando l’hashtag #RenewSense8, Netflix ha annunciato la pubblicazione di un episodio finale speciale di due ore. Ma non è tutto. Alcuni membri del cast di Sense8 torneranno a collaborare con Lana Wachowski in Matrix Resurrections, uscito a dicembre 2021.

Tag

Record correlati

Dark è l'eccezione delle serie TV

Dark è l'eccezione delle serie TV

Postato il 24 Ottobre, 2023